Virtualizzazione dei desktop in università: una collaborazione vincente tra Dell e IULM.

Compila questo modulo per effettuare il download

Scarica ora

*required fields

Virtualizzazione dei desktop in università: una collaborazione vincente tra Dell e IULM.

L’utilizzo di strumenti digitali all’interno dei percorsi educativi, dal K12 fino all’università, è diventato un aspetto sempre più rilevante in numerose scuole, e ha portato grandi benefici alla didattica. Come tutte le tecnologie, anche il digitale presenta però alcune sfide e criticità, che è importante imparare ad affrontare; le principali riguardano la sicurezza durante la navigazione online e la gestione dell’obsolescenza dei dispositivi.

In questo video, che fa parte della serie “L’istruzione del futuro è qui. Prove pratiche di innovazione per scuole e università”, scopriremo una collaborazione vincente tra Dell Technologies e l’Università IULM, Libera università di lingue e comunicazione di Milano.

Hervè Jezequel, Channel Sales Specialist di Dell Technologies, illustrerà come diversi contesti di insegnamento richiedano tecnologie differenti: se nell’istruzione primaria e secondaria il focus è sul PC, nel contesto universitario diventa importante anche l’infrastruttura che gestisce i dati e le applicazioni degli studenti. Da questo punto di vista IULM ha preso una decisione innovativa e di grande valore. Nel 2015, si è trovata a dover sostituire i dispositivi nelle classi, ma, al posto di aggiornare le postazioni di lavoro con nuovi computer, moderni ma comunque destinati un giorno a non essere più performanti, ha deciso di creare un’infrastruttura di virtualizzazione centralizzata, gestita dal dipartimento IT e abilitata dalla tecnologia Dell.

Marco Negri, Responsabile IT dell’Università IULM, ci presenterà i benefici riscontrati grazie a questo approccio: la gestione centralizzata, ad esempio, permette di rigenerare periodicamente i virtual desktop utilizzati dagli studenti e di stabilire preventivamente quali azioni possano essere compiute e quali no, con impatti positivi sul tema della sicurezza informatica. Inoltre, l’utilizzo di virtual desktop si è rivelato efficace nel periodo di attività da remoto durante la pandemia di Covid-19: gli studenti, e anche il personale tecnico-amministrativo, hanno potuto continuare a lavorare in sicurezza e con strumenti efficienti.

Infine, i virtual desktop sono stati validi alleati anche nella gestione degli esami a distanza, mantenendo un alto livello di sicurezza per quanto riguarda la privacy degli studenti. Guido di Fraia, Prorettore all’Innovazione e all’Intelligenza Artificiale dell’Università IULM, condivide nel video degli approfondimenti su qusto tema e riflette sugli sviluppi futuri che queste tecnologie possono offrire a scuole e università.

https://info.microsoft.com/WE-EDU-VDEO-FY22-04Apr-22-Desktop-Virtualization-at-University-A-Winning-Collaboration-between-Dell-and-IULM-SRGCM6719_LP02-Thank-You---Standard-Hero.html
Guarda il video